Tu sei qui

Le Gole del Tarn in famiglia,
accanto ai battellieri

Durata
0.5
giorno
Budget
23€ a persona
Caratteristiche
  • Scoperta di un'attività ancestrale
  • La più bella parte delle Gole
  • Sito classificato e protetto
  • Accessibile a tutti
Il periodo migliore
  • Automne
  • Eté
  • Printemps

Da 0 a 99 anni, prendete posto all'interno di una barca e approfittate di un'ora di gita indimenticabile nelle Gole del Tarn. Nativo del luogo, il vostro battelliere vi svelerà i segreti della sua professione e delle Gole. Ma vi lascerà anche approfittare in silenzio della maestosità dei luoghi e vi dedicherete alle gioie della contemplazione.

de Tourisme Lozère
Raccomandato da
Elsa
Gorges du Tarn
Les Gorges du Tarn

Le nostre prime vacanze in tre

Per le prime vacanze del nostro bambinetto, avevamo voglia di paesaggi selvaggi, di aria pura e di tranquillità. Quindi, una bella settimana di settembre, abbiamo puntato sulla Lozère. E più precisamente, su La Malène, nelle Gole del Tarn. Eric ci aspettava tutto sorridente. Nativo del paese, ha scelto di esercitare un mestiere antico, risalente a quasi 8 secoli fa: il trasporto fluviale. Immediatamente, la corrente passa tra di noi. Il suo lato "pro" ci rassicura. Non ci resta che imbarcarci.

Il consiglio dell'esperto

L’informazione per… i fotografi: partendo il mattino, avrete il sole alle vostre spalle e potrete quindi, più facilmente, immortalare la bellezza delle Gole.

Les Bateliers des Gorges du Tarn
Eric le batelier

Più che una professione, una passione

Ai primi colpi di remo, La Malène scompare dietro di noi. Siamo immersi nel silenzio. Momento di serenità in comunione con la natura. Sensazione di essere faccia a faccia con la natura. Anche Elliott non riesce a distogliere lo sguardo dal paesaggio... Quando Eric inizia finalmente a parlare, è per costellare la nostra discesa di aneddoti. Abbiamo appreso, per esempio, che nel 1905 il trasporto fluviale ha rischiato di sparire. Ma i battellieri dell'epoca hanno lottato per perpetuare le loro tradizioni. Questi ragazzi sono innamorati del loro fiume! E questo fa la differenza.

Vautour des Gorges du Tarn

Un'arca di Noè a cielo aperto

Perfetto, ok, ci si appassiona. Ma occorre dire che in un luogo talmente maestoso, nessun aggettivo sembra troppo forte. Allora, parliamo di questo luogo. Le Gole del Tarn. Un mondo acquatico e minerale, un piccolo paradiso terrestre. Protette da un Parco nazionale, le Gole ospitano una biodiversità di incredibile ricchezza. Aironi, trote, avvoltoi: nella dolce tranquillità del mattino, gli animali si lasciano ammirare volentieri. Quindi, spalanchiamo gli occhi. Non vogliamo perderci una briciola dello spettacolo.

Colpo di fulmine

il rock delle rocce. Aprite gli occhi e tentate di percepire la mitica coppia delle Gole: 2 rocce più vere della natura, che sembrano impegnate in un'eterna danza!

Les Bateliers des Gorges du Tarn
Descente en barque

Il Tarn, lato zen o sensazioni

Viene quindi il momento della frazione di La Croze, le cui casette di calcare sono accessibili esclusivamente in barca o mediante una navicella! Risvegliarsi ogni mattina in questa piccola bolla fuori dal tempo, non è forse zen? Convalidando la nostra teoria, Eric ci precede: il Tarn è pieno di sorprese... Così spunta improvvisamente davanti a noi un "essere volante non identificato"! Un uomo si getta da una scogliera con un elastico attaccato alla sua cintura. Brividi garantiti, sia per noi che per lui!

Canoë dans les Gorges du Tarn
Pause dans les détroits

Più in profondità nel canyon, il Cirque des Baumes

Lasciando dietro di noi l'EVNI eravamo convinti di aver finito con la pelle d'oca. Ma non avevamo fatto i conti con la traversata del Cirque des Baumes. Si tratta del momento clou dello spettacolo, ci informa Eric. Un condesato delle Gole, dove il canyon diventa ancora più stretto e, soprattutto, più alto. In questo preciso luogo, ci sovrastano 500 metri di roccia. Impossibile trattenere qualche esclamazione dinnanzi a una tale bellezza. Il che fa sorridere Eric. E' visibilmente abituato a questo genere di reazione! 

Citazione

Paul, vacancier : "Le paradis, nous pouvons attendre un peu. Mais n’attendez surtout pas pour faire l’expérience de descendre le Tarn, paradis sur Terre" (Avis TripAdvisor).

Gorges du Tarn, La Malène
Village de la Malène

Un colpo di fulmine …

Ultimi colpi di remo per Eric, ultimi istanti di pura magia per noi. Giunge il momento di scendere dalla barca. La barca si eleva dolcemente verso il cielo, sollevata da un sistema di pulegge. Non ci resta che raggiungere La Malène in minibus. Lasciando Eric, non si vedono più le Gole allo stesso modo. E, segretamente, ce ne siamo innamorati. Quindi, per prolungare il magico istante, andiamo a immergere i nostri piedi nel Tarn, sotto il ponte de La Malène. Un piccolo piacere e tanta allegria.

Les bateliers vous invitent sur leurs barques. Là, maintenant, tout de suite !



Vidéo © Studio Nature.

Dove dormire, dove mangiare, cosa fare?

Tempo libero sportivo

LES BATELIERS DES GORGES DU TARN

LA MALENELozère
Ristorante

RESTAURANT DU MANOIR DE MONTESQUIOU

LA MALENELozère
Albergo

MANOIR DE MONTESQUIOU

LA MALENELozère
Albergo

CHATEAU DE LA CAZE

STE ENIMIELozère
Albergo

HOTEL DU MONT SERVY

MAS ST CHELYLozère
Latitude: 44.301074000000
Longitude: 3.320820000000
Come arrivare?
  • In auto, mediante la D907bis (2 ore e 15 min da Montpellier via A75)
  • Con le navette turistiche (durante il mese di luglio e agosto)