Città episcopale di Albi | Tourisme Occitanie

Turismo in Occitania: vacanze nel sud della Francia

Menu
Tu sei qui

Città episcopale di Albi



 

L'eccezionale patrimonio di Albi è stato riconosciuto dall'Unesco nel 2010, con l'inserimento della sua città episcopale nella lista del patrimonio mondiale. Prima di tutto per il suo carattere storico, ma anche per la sua autenticità e la sua notevole unità architettonica.  

 

Albi, la cité épiscopale

La città episcopale

Vista dalla riva destra del Tarn, la città episcopale di Albi appare come una massa lavorata, allo stesso tempo armoniosa e potente. Con la cattedrale Sainte-Cécile quale punto culminante, domina la città in questa incandescenza di oro rosso data dal suo materiale unico: il mattone di Tolosa, che le conferisce una straordinaria coerenza visiva.

È stata costruita nel XIII secolo intorno alla cattedrale e al suo palazzo episcopale, il Palais de la Berbie. La loro architettura degna delle più grandi fortezze simboleggiava la potenza della Chiesa, uscita vittoriosa dalla lunga crociata contro i catari.

Forma un insieme urbano di 20 ettari, un tessuto medievale che comprende anche la chiesa di Saint-Salvi e il suo chiostro (XI-XIII secolo), il Ponte Vecchio (XI secolo) e le rive del Tarn. Intorno alla città episcopale, si estende una zona di protezione su 64 ettari.

Il gruppo Albi - Valle del Tarn è classificato Grand Site Occitanie.

La cathédrale Sainte-Cécile d'Albi

La più grande cattedrale di mattoni del mondo

I vescovi di Albi hanno dato una dimostrazione di forza dal momento che Sainte-Cécile è la più grande cattedrale di mattoni del mondo. Le sue mura formano un involucro massiccio. Spesse alla base di 2,5 m, si innalzano fino a un'altezza di 40 m. Lungo 114 m, l'edificio è sormontato dal prodigioso slancio del campanile-torre, che raggiunge un'altezza di 78 m, ovvero 10 m in più rispetto alle torri della cattedrale di Notre-Dame di Parigi.

All'interno, questo capolavoro del gotico meridionale mostra tesori di raffinatezza con, in particolare, una decorazione dipinta che copre un totale di quasi 2 ettari. Un numero banale che però non cancella in alcun modo la dimensione spirituale molto forte della cattedrale di Albi.

Lo sapevate?

Fin dall'antichità, il mattone è stato il principale materiale da costruzione nella regione di Tolosa grazie alle sue risorse di argilla. Frutto di un know-how introdotto dai Romani, il mattone di Tolosa è largo e piatto, il suo colore varia dall'arancione al rosa cipriato. Le sue dimensioni sono rimaste fedeli al mattone di origine italiana. È da qui che proviene l'aspetto toscano di Tolosa, Albi o Montauban.

Salle des affiches au musée Toulouse-Lautrec d'Albi

All'interno del palazzo vescovile, si trova il museo Toulouse-Lautrec

Adiacente a Sainte-Cécile, il Palais de la Berbie sembra una cittadella. La sua costruzione iniziò nel 1228. Fino al 1300, il palazzo fu trasformato in un vero castello con mastio, torri e mura. A partire dal XVII secolo, le sue fortificazioni si sono aperte sul lato del Tarn e il palazzo si è arricchito di un bel giardino alla francese che domina il fiume.

Il Palais de la Berbie deve la sua fama al Museo Toulouse-Lautrec, ospitato tra le sue mura dal 1922. Conserva la più grande collezione al mondo delle opere del pittore nato ad Albi. Negli anni 2000, il museo ha subito diverse fasi di ampliamento e ristrutturazione. 

Un capolavoro artistico

Sainte-Cécile ospita uno scenario eccezionale: il più grande Giudizio Universale del Medioevo (1485-1500), dipinto a tempera da artisti franco-fiamminghi.

Inoltre, le grandi scene dipinte sulle volte, su uno sfondo dorato e azzurro, costituiscono il più grande e antico gruppo di dipinti italiani realizzati in Francia all'inizio del Rinascimento (1509-1513).  

Informazioni pratiche

Per preparare la vostra visita, scoprite tutti i consigli utili, visitate il sito dell'Ufficio del Turismo di Albi

www.albi-tourisme.fr

 

  

Latitude: 43.928263000000
Longitude: 2.144176000000
Come arrivare?
  • In auto: con l'autostrada A68 da Tolosa, A75 da Montpellier, A20 da Parigi.
  • In aereo: dagli aeroporti di Toulouse-Blagnac (1 ora), Castres-Mazamet (45 min.), Rodez-Marcillac (1 ora e 15 minuti), Carcassonne (1 ora e 30 minuti).
  • In treno: collegamenti giornalieri da Parigi e Tolosa.