Tu sei qui

GOLE DEL TARN
Grandi canyon e dolci montagne

Cartographie Gorges du Tarn
Cartographie Gorges du Tarn

   

Perché andare nelle Gole del Tarn?

 

  • Un Grande Sito dell'Occitania in lizza per ottenere il  marchio Grande Sito di Francia (gole del Tarn, della Jonte e di Causses).
  • Il Parco Nazionale delle Cévennes, classificato dall'UNESCO Riserva Mondiale della Biosfera
  • Il territorio dei Causses e dei Cévennes classificato dall'UNESCO come Patrimonio Mondiale.
  • Sainte-Enimie, classificato Borgo più bello di Francia.
  • L’Aven Armand e la grotta di Dargilan
Gorges du Tarn
Les Gorges du Tarn

   

GOLE DEL TARN

Uno dei paesaggi più spettacolari di Francia

 Il Tarn nasce dal Monte Lozère, scende le Cévennes con un flusso torrenziale che ha scavato un profondo canyon nella piana dei Grands Causses. Scogliere alte 500 m, brecce, cornici e rocce: le gole del Tarn offrono il loro spettacolo più bello tra Quézac (Lozère) e Le Rozier (Aveyron), per circa 50 km.

Scopritele in auto o in canoa. Stendete l'asciugamano su una delle spiagge del fiume, fate il bagno nelle sue acque turchesi, praticate il rafting. Qualsiasi cosa facciate, non ve ne dimenticherete mai, il paesaggio è meraviglioso!

Il consiglio dell'esperto

Descendre les Gorges du Tarn en canoë ou bien en barque avec les Bateliers. Deux expériences différentes mais tout aussi inoubliables recommandées par Elsa, notre experte Tourisme Lozère.

Voir l’expérience EN BARQUE

Voir l'expérience en canoë

Sainte-Enimie
Sainte-Enimie

GOLE DEL TARN

Una serie di villaggi caratteristici

A Sainte Enimie, salite all'Hermitage (1 ora di andata e ritorno). Da lì, contemplate l'ansa del Tarn e, scendendo, godetevi le piazze, i negozi e le terrazze ombreggiate di questo villaggio classificato tra i più belli di Francia. Visitate anche Castelbouc, situato a fianco di una scogliera. La frazione di Hauterives è raggiungibile solo in barca dagli abitanti. Saint-Chély-du-Tarn offre uno spettacolo favoloso con le sue cascate e il suo magnifico ponte.

La Malène, les Vignes e le Rozier non sono da meno. Li troverete tutti lungo la D 907bis!

Gorges de la Jonte
Gorges de la Jonte

GOLE DELLA JONTE

Meravigliatevi ancora

La Jonte nasce dal Mont Aigoual (1565 m), nel cuore del Parco Nazionale dei Cévennes. Attraversa Meyrueis prima di lanciarsi in un'impressionante sfilata rocciosa e gettarsi nel Tarn.

A piedi, da Cassagnes,  attraversate la Causse Méjean fino al balcone della Vertigine per contemplare i meandri del fiume. In auto, ammirate i panorami più belli seguendo la D 996 da Meyrueis o scendendo da Saint-Pierre-des-Tripiers a Le Truel per una stradina.

Merita una visita

Alla Maison des Vautours du Truel, osservate con l'ausilio di potenti telescopi alcuni dei 300 avvoltoi del sito che sorvolano le gole della Jonte.

Per saperne di più
   

Lavogne
Lavogne

 

CAUSSES

Condividete la vita dei pastori

Nei Causses, non incontrerete molte persone, ma enormi greggi di pecore, che si sono adattate a questo territorio classificato come Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO. Per secoli, i pastori hanno plasmato queste vaste aree, ad esempio, costruendo riserve d'acqua naturali (doline) o costruite (lavogne).

Ammirate le antiche fattorie del Caussenard, talvolta fortificate, e gli ovili a volta. Entrate nell'intimità dei contadini visitando il Domaine des Boissets a Sainte-Enimie o la Fattoria Caussenarde di una volta a Hyelzas.

Mont Aigoual

 

CEVENNES

La montagna per ritemprarsi

 Salendo rispetto alle Gole del Tarn, attraversate i villaggi delle Cévennes circondati da coltivazioni a terrazze, fate il bagno nel fiume Bonheur scalando l'Aigoual. In estate le mandrie salgono ai pascoli estivi seguendo i tratturi. Dedicatevi a splendide escursioni e tornate qui in inverno per sciare ai piedi dell'Osservatorio meteo del Monte Aigoual.
Seguite le capre sui sentieri della Valle Francese o sulla Corniche des Cévennes. Fate una sosta presso i loro allevatori per degustare il formaggio Pélardon DOP.

Insolito

Prendete la funicolare dell'Aven Armand e scendete nelle profondità del causse Méjean e ammirate l'incredibile spettacolo della sua "foresta vergine" con 400 stalagmiti. Sotto il causse Noir, scoprite la magica grotta rosa di Dargilan.

   

53 km di divertimento

Lungo i villaggi e le frazioni, 53 km di meandri ben disegnati rivelano un susseguirsi di circhi e rocce caotiche: tuffatevi nelle Gole del Tarn e lasciatevi stupire! Vidéo © Lozère Tourisme.

Saint-Chély-du-Tarn
@valentinejqe
Saint-Chély-du-Tarn
https://www.instagram.com/p/Bk-a-9ol0oz/
Saint-Chély-du-Tarn
@yaya_goodlife
Saint-Chély-du-Tarn
https://www.instagram.com/p/BNt8rsxBi_e/
Saint-Chély-du-Tarn
@mahlg
Saint-Chély-du-Tarn
https://www.instagram.com/p/BWUZge8B_if/

La nostra selezione

Strutture ricettive

LA JASSE

STE ENIMIELozère
Albergo

CHATEAU DE LA CAZE

STE ENIMIELozère
Strutture ricettive

LA LUSETTE

LA MALENELozère
Albergo

Hôtel de La Muse et du Rozier

MOSTUEJOULSAveyron

Nel cuore delle Gorges du Tarn, in un ambiente verde attraversato da un fiume dagli effetti color smeraldo, si trova l...

Latitude: 44.366400000000
Longitude: 3.411390000000
Come arrivare?

Le Gole del Tarn si trovano ad est della regione Occitania, a cavallo tra i dipartimenti della Lozère e dell'Aveyron. La mappa della localizzazione è centrata sul villaggio di Sainte-Enimie,

  • In auto: da Parigi, Clermont-Ferrand, Montpellier e Tolosa con l'autostrada A75 (uscita Marvejols o La Canourgue). Da Mende: prendere la N88 e poi la D986 fino a Sainte-Enimie e Meyrueis.
  • In treno: dalle stazioni SNCF di Banassac - La Canourgue (25 km da Sainte-Enimie) o Millau (42 km da Meyrueis).
  • In aereo: dagli aeroporti di Montpellier, Nîmes o Rodez.